5. San Domenico

La struttura originaria è ubicata nel centro della cittadina di Rogliano ed è originariamente risalente al XV sec. Faceva parte del Convento dei Domenicali e fu distrutta con esso dal terribile terremoto del 1638. L’insediamento monastico fu oggetto di ricostruzione fino al 1652. Quando nei primi del 1800 il Convento fu soppresso e confiscato, le strutture vennero destinate a diverte funzioni pubbliche. Oggi, su quello che era il convento, sorge il Palazzo di Città, mentre la Chiesa è sede di culto.

Di pregevole fattura sono sia il portale in pietra calcarea che il portone in legno. Gli interni sono disposti lungo una unica navata arricchita da stucchi. Sono visibili a pavimento dei loculi mortuari scolpiti in pietra, testimonianza delle sepolture monastiche.

Altre informazioni si possono reperire sul sito dell’Ass. Liberalamente qui